rifiuti 1 rifiuti 2 rifiuti 3

Stop ai rifiuti

Ne abbiamo già parlato in altri post. La tutela dell'ambiente in cui viviamo passa anche dai nostri comportamenti quotidiani. Gettare per strada, nel mare o in un prato qualsiasi tipo di rifiuto, produce sempre un danno. Il gesto di buttare non mette fine alla vita di un prodotto. I rifiuti gettati in natura non si trasformano in humus o in compost ma restano parte non integrante del paesaggio a lungo.

 

Oggi vogliamo rispondere alla domanda “Quanto a lungo?”.
Partiamo dalle cose più semplici. Una gomma da masticare impiega ben 5 anni a degradarsi. Il mozzicone di sigaretta ancora di più: infatti se carta e tabacco si dissolvono in 3-4 mesi, il filtro resiste agli enzimi dei batteri anche 8 anni! Un indumento in cotone si dissolve in 1-2 anni, mentre ne servono oltre 100 anni alle schede telefoniche e 400 ai pannolini usa e getta.

 

Il record spetta forse alla celebre bottiglia di vetro che può richiedere fino a 4000 anni per decomporsi. La bottiglia di plastica, uno fra i principali nemici dell'ambiente, può impiegare da 100 a 1000 anni, a seconda dell'esposizione ai raggi del sole.

 

Passiamo a cose più pesanti, i rifiuti ferrosi. L'ossidazione totale di una scatola di metallo avviene in circa 8 anni. Per una lattina di alluminio (materiale poco sensibile alla corrosione) bisogna aspettare fino a 100 anni!

 

Fra tutti i materiali, la carta è sicuramente quello più ecosostenibile. Tutto, però, è relativo. Mentre un semplice tovagliolo di carta impiega 2 settimane, un giornale rimane in vita per 6 settimane e un fazzoletto di carta anche per 6 mesi, a causa della sua lavorazione e dei doppi, tripli e quadrupli strati che permettono al fazzoletto di essere più resistente.

...i nostri morbidi ed eleganti fazzoletti in cotone ci piacciono ancora di più!

Fonte immagini: web