manifattura 1 manifattura 2 manifattura 3

La manifattura tessile oggi

Era il 1954 quando Sandro Graziina ha fondato a Gallarate la Manifattura Graziina. Da allora ci siamo sempre occupati di produrre e commercializzare fazzoletti in cotone di ogni genere: da uomo, donna, bambino, classici, creativi, sempre nel segno della qualità e dell'equilibrio fra artigianalità e industrializzazione. Oggi la nostra attività manifatturiera continua grazie anche a una nuova visione del prodotto, che va oltre la semplice funzione d'utilizzo per entrare nel mondo dell'accessorio moda e dei segni di riconoscimento.

 

All'interno del nostro paese, la manifattura ha vissuto fasi, difficoltà e sfide molto intense e impegnative.

 

Il tessile-moda italiano ha sempre rappresentato un comparto importantissimo del settore manifatturiero italiano, fino ad arrivare a costituirne ben l'11%, il doppio rispetto all'auto. La sfida cinese e l’aumento del costo delle materie prime ha obbligato il settore a compiere una profonda ristrutturazione che si è tradotta principalmente in un frenetico processo di delocalizzazione. Per fortuna, questa tendenza si è decisamente ridimensionata a partire dal 2009-2010 circa.

Oggi, fra alti e bassi, la manifattura italiana si conferma in fase di espansione, in quanto l'indice PMI manifatturiero si attesta sempre sopra i 50 punti. Ma le difficoltà sono ancora molte: il calo della domanda interna, l’asfissia nel credito, l’aumento del costo del lavoro slegato dalla produttività, la redditività che ha toccato nuovi minimi.

 

Servono nuovi investimenti, serve un'iniziativa politica che metta la manifattura al centro, serve un'idea di sviluppo concreta e condivisa.

Continuate a seguirci per restare aggiornati sulle novità del nostro settore.

 

Fonte immagini: archivio Graziina e web.